Mira torna a casa, immersa nello stalinismo della città

 

Pubblichiamo di seguito una pagina del romanzo ucronico “Se Mira, se Kim” (acquistabile su Amazon) scritto da Andrea Marsiletti e ambientato nel 2021 in un’Italia comunista alleata della Corea del Nord.

La Rivoluzione scoppiò nel 1948 (leggi).

La protagonista, Mira, torna a casa, immersa nello stalinismo della città.

 

[…] Il Centro Barilla è il centro di approvvigionamento più grande di Parma: contiene numerosi negozi alimentari e d’abbigliamento, un cinema, una paninoteca, una palestra. Il complesso si trova alla fine di Strada Repubblica popolare dove sorgeva la bottega di pane e pasta dell’imprenditore Pietro Barilla Senior.

La collettivizzazione dell’azienda non portò al suo cambio di denominazione. I trotzkisti e altri opportunisti di sinistra storsero il naso per la volontà di mantenere il nome della famiglia capitalista, ma poi, dopo un lungo dibattito, prevalsero la storia della città e la convinzione che il collegamento con figure del passato non compromesse rafforzasse l’identità del Popolo.

Continue reading “Mira torna a casa, immersa nello stalinismo della città”

1° maggio: la festività dell’Italia stalinista coincidono con quelle della Corea del Nord

Nel libro ucronico “Se Mira, se Kim” scritto da Andrea Marsiletti, ambientato nel 2021 in un’Italia stalinista alleata della Corea del Nord, la città di Parma è gemellata con Pyongyang.

Fu proprio a Parma che nel 1948 scoppiò la rivoluzione comunista che portò alla nascita della Repubblica popolare Italiana.

Parma e Pyongyang festeggiano lo stesso trittico di festività, compresa quella del primo maggio,  “Festa dei lavoratori”.

Continue reading “1° maggio: la festività dell’Italia stalinista coincidono con quelle della Corea del Nord”

Kim Jong Un in visita in Italia

Kim Jong Un ha visitato non solo la Cina ma anche l’Italia. E in particolare Parma, la città nella quale nel 1948 scoppiò la rivoluzione comunista che portò alla nascita della Repubblica popolare italiana.

E’ questa la realtà del romanzo ucronico “Se Mira, se Kim” di Andrea Marsiletti ambientato nel 2021 in un’Italia stalinista alleata della Corea del Nord (acquista il libro!).

Il libro è in lettura presso l’ambasciata nordcoreana a Roma perchè l’autore ha espresso il desiderio di poter pubblicare una prefazione del Maresciallo Kim Jong Un alla ristampa del libro.

Continue reading “Kim Jong Un in visita in Italia”

Le BR? Un ribellismo inutile. Lo Stato borghese va abbattuto, non terrorizzato

Ieri è stato imbrattato il monumento che ricorda le vittime dell’agguato di via Fani, quando quarant’anni fa fu rapito dalle Brigate Rosse il presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro. Sulla stele, che ricorda i nomi dei cinque uomini della scorta dello statista uccisi dai terroristi, è stata dipinta la sigla BR con il colore rosso.

Nel romanzo ucronico “Se Mira, se Kim” scritto da Andrea Marsiletti (acquistabile su Amazon), ambientato nel 2021 in un’Italia che diventa stalinista a seguito la rivoluzione scoppiata in reazione all’assassinio di Togliatti nel 1948 , il giudizio sulle BR è severo: “Negli anni ‘70 e ‘80 la Polizia segreta risolse alla radice il problema del ribellismo delle Brigate Rosse, un riflusso trotskista che si rivelò incapace di coinvolgere le masse proletarie. Il PCI prese nettamente le distanze dai terroristi: “Sono dei rivoluzionari a parole, che non capiscono cos’è la vera rivoluzione. Fosse dipeso dalla ‘purezza’ di questi opportunisti di ultrasinistra oggi in Italia ci sarebbero ancora i democristiani! Noi non c’entriamo nulla col terrorismo. La storia comunista è una storia di rivoluzionari, non di terroristi. L’attentato terroristico è un atto individuale, non collettivo. Lo Stato borghese va abbattuto, non terrorizzato.” Alcuni giornali ipotizzarono che le BR fossero degli infiltrati a libro paga della CIA per destabilizzare l’Italia popolare: “Non ci sono assassini in Paradiso.

Scoppia la Rivoluzione, l’Italia diventa comunista

 

Pubblichiamo di seguito uno stralcio del libro ucronico “Se Mira, se Kim”  di Andrea Marsiletti, ambientato in un’Italia stalinista alleata della Corea del Nord (il libro è disponibile su Amazon).

E’ il capitolo “Scoppia la Rivoluzione: l’Italia diventa comunista”, che racconta una storia alternativa partendo da quella reale: cosa sarebbe successo se nel 1948 Togliatti fosse morto nell’attentato, quale sarebbe stato il corso della storia?

Continue reading “Scoppia la Rivoluzione, l’Italia diventa comunista”

E’ uscito il romanzo “Se Mira, se Kim”

Acquistalo su Amazon!

Il libro è un romanzo ucronico che racconta la storia se avesse seguito un corso alternativo: cosa sarebbe potuto succedere se un preciso avvenimento fosse andato diversamente? Tutto cambia nel 1948 quando in un attentato viene ucciso il segretario nazionale del Partito Comunista Italiano Palmiro Togliatti. La reazione dei compagni è violenta. Scoppia la Rivoluzione proletaria. L’Italia diventata una Repubblica popolare.

Siamo nel 2021. Mira vive a Parma in un’Italia stalinista che l’autore immagina e descrive. È fidanzata con un funzionario dell’ambasciata della Corea del Nord di nome Kim. Segue la crisi politica internazionale conseguente all’invasione dell’arcipelago sudcoreano di Liancourt da parte della Marina imperiale giapponese con la complicità degli Stati Uniti. Il popolo della Corea del Sud chiede al Grande Maresciallo Kim Jong Un, Leader Supremo della Corea del Nord, di intervenire in suo aiuto. Nel frattempo Mira rivede a una cena di classe un suo ex compagno di cui si era innamorata. Scopre che è un “rottamatore” trotskista. A riguardo farà la scelta migliore, che Kim Jong Un ricompenserà. La descrizione del viaggio di Mira in Corea del Nord è il racconto dell’esperienza vissuta dall’autore a Pyongyang nel 2016.

Quando tutto sembra finito, ecco che l’imperialismo torna a colpire…

L’AUTORE: Andrea Marsiletti è nato nel 1971 a Parma. Laureato in Ingegneria Meccanica, è giornalista pubblicista e direttore di un quotidiano online di informazione. Studioso della Corea del Nord, ha pubblicato il sito web www.kimjongun.it. “Se Mira, se Kim” è la prima opera dell’autore che nasce sulla scia del suo viaggio a Pyongyang come relatore al “Seminario internazionale sullo Juche e l’antimperialismo” nel settembre 2016, ospite del Governo nordcoreano.